Cerca nel blog

Visualizzazioni totali

domenica 21 gennaio 2018

L'UOMO DEI DEFIBRILLATORI


























Sono strafelice che il mio amico Mirco Jurinovich oggi, 21 gennaio 2018 riceva il riconoscimento di cittadino benemerito nel Comune di Cerro Maggiore, qui vicino a noi, dove ha sede l'associazione Sessantamilavitedasalvare, associazione che si occupa  della diffusione dei defibrillatori semiautomatici (DAE), per la lotta all'arresto cardiaco. Vorrei che questa benemerenza fosse bissata anche nella nostra Legnano in futuro, visto che i passi da gigante compiuti in città, possiamo attribuirli praticamente solo grazie a lui, nell'articolo che segue del 24 dicembre, si parla di 90 defibrillatori presenti in Città ora, quando il 28 aprile 2012, consegnammo alla cittadinanza il secondo ed il terzo...






























Grazie Mirco, ci hai aperto un mondo, felici di averti seguito. !


sabato 20 gennaio 2018

IVA'N DA LEGNA'N





























Quindi tocca ad Ivan Venturini  aprire le danze per quanto riguarda le mostre virtuali legnanesi per il 2018 su questo blog... Anche lui come coloro che lo hanno preceduto ha una passione fuori dalla norma per la macchina fotografica. Ha vinto qualche concorso e gli piacerebbe tanto un giorno diventare fotografo professionista. Ivan, classe '79 ama trasmettere emozioni coi suoi scatti, e ci riesce benissimo, sul web e sui social legnanesi abbiamo imparato a conoscerlo un po tutti, sono davvero contento abbia accettato l'invito, in privato mi ha confessato che i suoi 'fari' ispiratori sono Francesco Morello (il primo che ha aperto queste mostre virtuali), e Aldo Signorelli ( probabilmente a lui toccherà il mese di febbraio), ed è una dichiarazione bellissima, contenente stima e zero invidia, come è difficile a sto mondo eliminare l'invidia... Ma bando alle ciance e dopo la prima fantastica foto che proprio nel 2018  (la fontana della piazza del Redentore), compirà 60 anni andiamo a scoprire il resto, buona visione, soffermatevi e gustatele...























































































































E per finire, il volto dell'artista, forza Ivan, diventerai un grande, o forse lo sei già...

giovedì 18 gennaio 2018

DARE IL PRECEDENTE


http://www.legnanonews.com/news/cronaca/912018/ecco_lo_spot_del_b_fit_in_piazza_



Qualche giorno fa, scopro e abbiamo scoperto tutti che sulla stessa superficie su cui abbiamo ammirato il calendario dell'avvento, verrà posizionato una maxi pubblicità da 300 metri quadrati, per un mese intero, in un posto nel quale i regolamenti dicono che NON SI PUO' FARE. Si sa che le 'interpretazioni' delle leggi o regolamenti portano spesso a trovare un escamotage, questa volta però, forse, la pensata è stata fatta senza pensare alle conseguenze. Innanzitutto vediamo cosa si scrive sul regolamento a proposito di divieti:















Poi aggiungerei la mappa del centro, riconoscerete la Basilica, il Municipio, la Piazza, Palazzo Italia e anche il palazzo in questione...



Poi aggiungerei la legenda di ciò che è definito 'intoccabile' (edifici in rosso e azzurro)




Che ci sia la pubblicità del Bfit o di altri è secondario, per chi non lo sapesse lo stabile è della stessa famiglia che gestisce il Bfit, e giustamente chi vuole pensare bene o male fa due più due... Non sono scandalizzato per la faccenda, sono deluso dal fatto di averlo appreso dai giornali e non dalla comunicazione istituzionale, e sono purtroppo certo che questo PRECEDENTE sarà pesante, poichè un domani CHIUNQUE potrà inventarsi qualsiasi cosa ricordando a chi da le autorizzazioni che a cavallo tra il 2017 e il 2018 è successo questo. I regolamenti non sono carta da cesso e non li si può asfaltare in nome di un piccolo risparmio, di tasse, balzelli e amenità del genere ne paghiamo già una cifra e non deve certo essere l'istituzione che va contro se stessa infrangendo regolamenti da lei prodotti. Un domani, faccio un esempio, don Angelo per far quadrare i conti, si inventa una copertura temporanea pubblicitaria, fatta magari a dicembre sulla casa parrocchiale, una bella facciata con gli stessi metri quadrati di quella di cui stiamo parlando: il don incassa, il Comune (nel caso specifico amga) incassa, rimarrebbe lo scempio di un messaggio commerciale pachidermico sulla piazza. Ma potreste/potremmo accettare una roba del genere ? Oppure faccio un altro esempio: palazzo Inail ( quello non è tutelato ma rende ugualmente l'idea), il condominio delibera di accettare un' offerta x un telo pubblicitario da 500 mq da apporre sulla facciata di Largo Tosi, noi dovremmo accettare questo per qualche migliaia di euro ? Insomma, questa cosa secondo me non andava fatta, inoltre c'è l'aggravante del 'teniamo la notizia in freezer' fino ad arrivare al fatto compiuto... No, non ci siamo, si fa di tutto per far pensare male e non per i benefici dei cittadini. Proiezioni belle, calendario avvento bello, luminarie decenti, ma il colpo di coda è stato orribile, e quando si arriverà al prossimo incrocio, vedremo a chi si darà 'il precedente' ?... Auguri !

sabato 13 gennaio 2018

DITEGLIELO A FRATUS


















Questo post è dedicato agli amici Consiglieri Comunali della lega nord  uniti a quelli di forza italia e faccio uno sforzo e aggiungo anche il solitario di fratelli d'italia. Ragazzi, io non sono un professore, sono un semplice diplomato, ma i conti della serva bisogna saperli fare: il vostro sindaco, continua a menarla con la storia che Legnano ha il 65% delle quote in AMGA, mentre gli altri Comuni, rappresentano il 35% rimanente... Il signor sindaco non ha capito, e forse non ha letto,  i dati della foto messa in cima al post: 30 milioni di fatturato sulla raccolta rifiuti che è poi il nucleo fondamentale del servizio della municipalizzata, li si fatturano con Legnano più altri 16 Comuni, Legnano col suo 65% di quote, rappresenta però un solo quarto della comunità che usufruisce del servizio. Morale: se gli altri 16 comuni ci mandano letteralmente a fare in culo, noi ci si ritrova a fatturare un quarto, ci si ritrova a dover dimezzare i 400 dipendenti ora in forza alla municipalizzata e ci troveremo nella gravissima situazione di dire che ne teleriscaldamento ne distribuzione del gas riusciremmo più a gestire... Fratus e Cozzi non hanno capito che sono passati anni luce dalla loro dipartita dalle vecchie gestioni e la forza della nostra municipalizzata sono proprio i nostri partner, non NOI, che rappresentiamo a dir tanto il Comune capofila, chiamiamolo così. Suggerite al vostro sindaco vero o presunto e/o al suo vice di tenersi stretto il professor Giovanni Geroldi, che lo convincano a ritirare le dimissioni, perchè senza di Lui, non ne trovano altri che stanno li a gestire gratuitamente una azienda di 400 persone che negli ultimi 5 anni ha fatto i salti mortali per salvarsi dal baratro e per fare sviluppo allargando il numero dei partner. Ricordatevelo amici Consiglieri, avete in mano anche voi questa responsabilità, non fidatevi ad occhi chiusi di chi sa benissimo cosa ha combinato in quella municipalizzata negli anni precedenti al 2013. Andatevi ad informare, chiedete conto, non date per buono quello che viene detto dalla Giunta legnanese, siete Voi i garanti di tutto ciò. Chiederemo come minoranza un Consiglio Comunale straordinario e aperto per questa vicenda, la preghiera che vi faccio è di non fermarvi alle apparenze, chiedete un colloquio col Presidente dimissionario, ascoltate anche la campana che è la tutti i giorni a gestire una azienda di quattrocento persone. Abbiamo davanti un progetto dell'impianto di biometano per lo smaltimento della frazione umida, non abbiamo bisogno di colpi di testa per complicare tutto, abbiamo bisogno di trasparenza e di conoscenza, Noi per primi che siamo stati chiamati dai legnanesi ad essere garanti per loro. I giochi di potere vanno spezzati, il primo interesse è per i nostri concittadini e di tutti quei cittadini soci a pari dignità, degli altri Comuni. L'appello è lanciato, ora tocca a Voi.

venerdì 12 gennaio 2018

LA LEGGENDA DELLE 5 CI





























Che amarezza sapere che dovresti sapere tutto e invece sanno tutto prima gli altri, perchè il tuo ruolo è quasi sacro, ma effettivamente sei d'intralcio per il manovratore, quindi si fa prima ad uscire sui giornali cosi parliamo una volta x tutti e chi ha capito bene, chi non ha capito si rivolga ad un azzeccagarbugli. La vicenda delle dimissioni del CdA di Amga, la più importante municipalizzata legnanese, la dice lunga sul ruolo che ha un Consigliere Comunale: dopo l'arrivo di Fratus a Palazzo Malinverni, solo annunci di poca chiarezza su tutto, c'è in ballo una causa civile ed una penale sul pregresso delle vecchie amministrazioni legate al  cdx, dei misteriosi dossier che alimentano dubbi  e illazioni, ora è arrivato il momento dell'abbandono in blocco. Soluzione ? Convocare i giornalisti della zona per spiegare loro la sorpresa inaspettata, questa in sostanza la risposta del sindaco, che sottolinea la stima per il presidente Geroldi, ma non spende mezza parola per fermarlo e chiedere di ripensarci qualche minuto. Ovviamente i Consiglieri Comunali sono considerati come la carta straccia: perchè far sapere loro della vicenda ? Che leggano i giornali come tutti i cittadini, in barba alle regole democratiche che prevederebbero invece la priorità su questioni istituzionali. Insomma, si conferma la leggenda che leggenda non è che il ruolo dei parlamentari legnanesi sia quello degli 'schisciabutun', la giunta ha titolo per fare e disfare, il Consigliere è un ciondolo, bello o brutto che sia, ma sempre di peso equivalente al soprammobile, che sia di maggioranza o minoranza, e allora, lasciatemelo dire piatto piatto: Consigliere Comunale Che non Conti un Cazzo, abbi la forza di alzare la testa e di pretendere rispetto per il ruolo che i tuoi concittadini ti hanno assegnato, non permettere mai più questi abusi di potere, irrispettosi della democrazia, irrispettosi dei ruoli istituzionali. Votiamo in Consiglio il ritorno al Podestà, cosi almeno siamo coscienti della nostra inutilità.























Se le 5 C fossero l'essenza contenuta nella foto sopra, ecco, avremmo migliorato assai i rapporti tra cittadino e politica, tra politico di destra e di sinistra, di centro o civico, invece piace far sapere che chi ha il cappello ed un fischietto può permettersi qualsiasi cosa, chi è vestito normalmente, continui a passeggiare  per i quartieri, anche lui come i Consiglieri Comunali sarà considerato come Contribuente per alimentare le voglie di qualcuno. Si candidano a migliaia dove ci sono da portare a casa stipendi invidiabili, nei Comuni invece è diventato un eroe chi riesce a resistere sugli scranni a colpi di volontariato, rassegnamoci.